Un evento dalle dimensioni colossali

Circa 150 grandi caldaie di rame, oltre 20.000 razioni distribuite gratuitamente a tutta la popolazione, oltre 300 addetti che si occupano di tutte le fasi della manifestazione, suddivisi in 32 gruppi: sono questi i numeri di un evento tipico e allo stesso tempo grandioso come la Colossale Fagiuolata che caratterizza sin dai tempi più remoti il Carnevale di Santhià.

Il giorno stabilito per la manifestazione è il lunedì grasso e comincia con le “Sveglie” suonate dal Corpo Pifferi e Tamburi, per dare inizio alle operazioni di preparazione dell’evento.

La riuscita della Fagiuolata dipende anche dalla ricetta tradizionale, realizzata con ingredienti semplici (fagioli, lardo, salami e poco altro), che rende il piatto facilmente replicabile, senza alternarne mai il gusto.

Secondo la tradizione il piatto dovrebbe essere consumato in loco, ma sempre più spesso i cittadini santhiatesi e gli abitanti dei paesi vicini preferiscono portare la razione presso la propria abitazione, per condividerla con parenti e amici.